Il meraviglioso Mago di Oz

+Image

SCHEDA TECNICA:

Titolo: Il meraviglioso Mago di Oz
Autore:
Lyman Frank Baum
Edizione: Integrale
Editore:
Àncora
Collana: Parole in Chiaro
Serie: I classici per tutti

Traduzione a cura di: SociaLibri®
Font: SocialFont®
Illustratore: Roberta Briatico
LeggiRiga®: Si, incluso
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 23 marzo 2021
Pagine: 193 p., ill. , Brossura
EAN: 9788851423803
Età di lettura: da 7 anni
Prezzo: € 13

ILLUSTRAZIONE:

Mentre fissava quella buffa faccia dipinta, a Dorothy sembrò che uno degli occhi ammiccasse. Inizialmente pensò di essersi sbagliata: nel Kansas non aveva mai visto spaventapasseri che facessero l’occhiolino. Ma ecco che, subito dopo, il fantoccio chinò la testa con un cenno amichevole! Allora Dorothy saltò giù dallo steccato e raggiunse lo Spaventapasseri, mentre Toto girava intorno al palo abbaiando.

Capitolo 3 | pag.26

L'AUTORE:

Lyman Frank Baum, nacque a Chittenango, nello stato di New York, il 15 maggio 1856, è stato uno scrittore statunitense conosciuto per il famoso soprattutto per il racconto per bambini "The Wonderful Wizard of Oz", in italiano "Il meraviglioso mago di Oz".

Figlio di Benjamin Ward Baum e Cynthia Stanton, di origini tedesche, era il settimo di nove fratelli, dei quali solo cinque raggiunsero la maggiore età. Fu chiamato "Lyman" in onore di un suo zio paterno, ma preferì sempre farsi chiamare "Frank". All'età di 17 anni, Frank aveva dato inizio a un secondo giornale amatoriale, The Stamp Collector ("Il Collezionista di Francobolli"). Nello stesso periodo, Frank sviluppò una passione per il teatro che l'avrebbe accompagnato per tutta la vita, conducendolo più volte vicino alla bancarotta. Il suo primo fallimento fu all'età di 18 anni, quando una compagnia teatrale locale lo convinse a finanziare l'acquisto di un nuovo guardaroba di costumi, promettendogli di farlo recitare come protagonista sul palco; promessa che non fu poi mantenuta. Il 9 novembre 1882, Baum sposò Maud Gage, figlia di Matilda Joslyn Gage, una famosa attivista del suffragio femminile. Nel luglio del 1888, Baum e la moglie si trasferirono ad Aberdeen, nel Dakota del Sud, dove Baum aprì un negozio, il "Baum's Bazaar". La descrizione che Baum avrebbe fatto anni dopo del Kansas, nel Meraviglioso Mago di Oz, è in gran parte basata sui suoi ricordi della terra arida del Dakota del Sud.

Anche il Pioneer fallì (nel 1891), e i Baum si trasferirono a Chicago, dove Frank si mise a lavorare come reporter per l'Evening Post e, contemporaneamente, come venditore porta-a-porta di porcellane. La svolta avvenne nel 1897, anno in cui Baum pubblicò Mother Goose in Prose, una raccolta di filastrocche di "Mamma Oca" trascritte in prosa e illustrate da Maxfield Parrish. Il libro ebbe un discreto successo, e Baum poté abbandonare il suo lavoro di venditore ambulante. Nel 1899, in collaborazione con l'illustratore W. W. Denslow, Baum pubblicò "Father Goose: His Book" (Padre Goose), una raccolta di poesie nonsense, che divenne il libro per bambini più venduto dell'anno. Nel 1900, Baum e Denslow pubblicarono "Il Meraviglioso Mago di Oz" che ebbe un successo trionfale; apprezzato dalla critica, "il Mago di Oz" fu anche bestseller per ben due anni consecutivi.

Sulla scia di questo successo, Baum realizzò negli anni successivi ben tredici romanzi ambientati nel Paese di Oz. Due anni dopo la pubblicazione del Mago di Oz, Baum e Denslow si unirono al compositore Paul Tietjens e al direttore d'orchestra Julian Mitchell per realizzare un adattamento del romanzo in musical. Lo spettacolo fu rappresentato a Broadway 293 volte dal 1902 al 1911, e in seguito fu portato in tournée per tutti gli Stati Uniti. Continuò a scrivere e finanziare musical, ricavandone ulteriori danni economici. Tra l'altro, dovette vendere i diritti di gran parte dei suoi lavori, incluso lo stesso Mago di Oz.

Baum morì il 6 maggio 1919 a Glendale e fu sepolto nel Forest Lawn Memorial Park Cemetery a Glendale (California).

NOTA! Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie e su come eliminarli, leggete la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito